Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Gli attrezzi da giardinaggio fondamentali: foraterra, asta graduata, annaffiatoio, tubo per irrigare, setaccio e spruzzatore

Foraterra

Per i normali lavori della serra andrà bene un foraterra fatto con un cavicchio di circa cm 1 di spessore, tagliato alla lunghezza di cm 8-10. Una delle estremità dovrebbe terminare con una punta acuminata. Per il giardino, si potrà ricavare dal manico di una vecchia forca o di una vanga un pezzo di circa cm 30 che, appuntito a una estremità, avrà una nuova esistenza come foraterra di grandi dimensioni.

Usi II tipo piccolo s’impiega per ripicchettare le semenzali in vasi e in cassette; quello grande per trapiantare brassiche e altre piante che non richiedono molto spazio (altrimenti si dovrebbe usare il trapiantatoio). Inserire il foraterra nel terreno, estrarlo, poi inserirlo nuovamente nel suolo a fianco della piantina: servirà a consolidare la terra verso l’interno, intorno alle radici.

Asta graduata

Non è difficile costruirne una con un’asta di legno larga circa cm 2,5 e lunga m 2-2,50, trattata con un conservante come il naftenato di rame oppure protetta con una buona vernice per esterni. Con la sega, praticare dei segni a intervalli di cm 25, e altri più piccoli a intervalli di cm 5.

Usi

L’asta graduata è preziosa sia nell’orto, dove serve per misurare la distanza tra una pianta e l’altra quando si compiono operazioni di diradamento o di messa a dimora, sia nel frutteto, per disporre le piante a intervalli regolari.

Annaffiatoio

In commercio si trovano annaffiatoi di vari tipi, ma per gli usi normali il più comodo è senza dubbio il modello da 110 a manico lungo. Può essere di metallo zincato o verniciato, oppure di politene: ogni materiale ha vantaggi e svantaggi. Quelli di metallo possono presentare delle perdite, ma sono riparabili; quelli di plastica durano a lungo se tenuti con cura, ma quando perdono vanno gettati via. L’equilibrio è importante (controllarlo a innaffiatoio pieno) e la portata dev’essere adeguata alle necessità. Quando lo si acquista, l’annaffiatoio dovrebbe avere in dotazione una rosa a fori fini e una a fori grossi (rosa, cipolla o doccia sono i nomi impiegati per indicare l’appendice espansa e bucherellata da cui fuoriesce l’acqua).

Usi

Lo si impiega per bagnare le piante sia all’aperto che sotto vetro (in questo caso, dati i limiti di spazio, sarà più comodo il modello da I 5). L’innaffiatoio che si adopera per distribuire il diserbante dev’essere riservato solo a quell’uso, per evitare che altre piante possano essere danneggiate dai residui dell’erbicida. Si vedano anche le pagine relative all’annaffiatura.

Tubo per irrigare

Esiste in commercio una gamma vastissima di tubi per irrigazione, ma il tipo migliore è senza dubbio quello con un rinforzo di nylon incorporato che, oltre ad aumentarne la durata, impedisce al tubo di attorcigliarsi mentre lo si adopera. Tra i numerosi accessori in commercio, i più utili sono il raccordo per rubinetti e lo spruzzatore.

Usi

Fa risparmiare fatica in tutte le operazioni di annaffiatura, sia nel giardino sia nella serra. Riporlo sull’apposito sostegno avvolgitubo, che ne facilita l’uso e ne prolunga la durata. Tenerlo al riparo dal sole.

Setaccio

Un setaccio a maglie medie è utile soprattutto nella serra e quando si moltiplicano le piante. Per le operazioni normali, il setaccio migliore è quello con maglie da mm 12.

Usi

Si setacciano terra, sabbia o torba per preparare la composta. Si setaccia inoltre, prima della semina, anche la composta che si compra già miscelata.

Spruzzatore

Uno spruzzatore a mano, o nebulizzatore, della capacità di I 0,50-1 è utile, anche se non può sostituire un’attrezzatura più impegnativa che è comunque necessaria.

Usi

Impiegare lo spruzzatore a mano per difendere le piante da attacchi non gravi di insetti e malattie, per somministrare concimazioni fogliari e per nebulizzare acqua nella serra. Lavarlo accuratamente dopo l’uso per evitare possibili contaminazioni.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.