Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Come coltivare le iris bulbose: dove e come effettuare la piantagione, le cure colturali delle iris bulbose e la moltiplicazione per divisione

Le più note iris bulbose sono ibridi del gruppo xiphium, che prendono il nome dal Paese delle specie spontanee originarie: iris d’Olanda, di Spagna, d’Inghilterra. Esse hanno una fioritura prolungata durante l’estate. Le iris d’Olanda sono le prime a fiorire, dall’inizio di giugno fino alla metà del mese, seguite, due settimane dopo, dalle iris di Spagna, la cui fioritura dura fino alla fine di giugno. Le ultime sono le iris d’Inghilterra, in luglio.

Dove e come effettuare la piantagione

Da settembre a fine ottobre, scegliere un angolo soleggiato, con terreno ben drenato, e preparare il terreno, immettendovi terriccio ben decomposto o letame ben maturo. Indi, mettere a dimora le iris, interrandole di circa cm 10-15.

Le iris d’Inghilterra (/. xipioides), che preferiscono un terreno che non si asciughi troppo nei periodi siccitosi, sono molto facili da coltivare e i loro bulbi non devono essere tolti da terra dopo la fioritura. Piantati distanti l’uno dall’altro circa cm 15-20, si consolidano abbastanza in fretta.

Le iris d’Olanda (/. xiphium), invece, prediligono terreno leggero, ma si piantano anch’esse a cm 15-20 di distanza l’una dall’altra.

Le iris di Spagna (ibridi derivati da I. xiphium), a loro volta, sono di grande effetto decorativo, se si piantano a distanza di cm 10 l’una dall’altra, in terreno più leggero, più caldo e asciutto di quelli d’Olanda.

1 gruppi di iris reticulata vanno collocati, in settembre od ottobre, a una profondità di cm 5-7, distanziati di cm 5-10. Scegliere una posizione soleggiata, in terreno ben drenato. Evitare terreni pesanti e compatti, poiché i bulbi non vegeterebbero l’anno seguente. Per migliorare un terreno compatto, immettervi terriccio organico e sabbia mediante la vangatura e poi piantare i bulbi.

I bulbi juno hanno radici carnose attaccate ai bulbi stessi, da cui si svilupperanno le radichette durante il ciclo vegetativo. Questi bulbi si possono piantare isolatamente o a gruppi, in un luogo riparato dalle piogge estive da un muro o da arbusti, sempre però in terreno ben drenato. Durante il mese di settembre, interrare i bulbi a cm 5 di profondità, distanziandoli di cm 15-22 l’uno dall’altro.

Le cure colturali delle iris bulbose

Non appena l’apparato fogliare delle iris d’Inghilterra è essiccato, con una forca interrare leggermente terriccio organico nelle aiuole. Composta da piante da considerare rustiche e vivaci, questa varietà necessita di essere tolta dal terreno in autunno solo nel caso che le piante siano troppo fitte.

Se i bulbi d’Olanda sono a dimora in un terreno umido e compatto, alla fine dell’estate vanno tolti da terra per ricoverarli in luogo chiuso e aerato; ripiantarli in settembre. Se il terreno è leggero e soffice, possono essere lasciati in terra tutto l’anno.

Per far maturare bene i bulbi delle iris di Spagna, è meglio toglierli ogni anno da terra quando l’apparato fogliare è essiccato. Farli asciugare e ripiantarli in settembre.

Se si vuole conservare una parte dei bulbi, collocarli in un luogo asciutto, aerato e all’ombra, per evitare marciume o muffe.

È buona norma spruzzare i bulbi con un fungicida sistemico prima di ripiantarli: si eviterà cosi che marciscano quando saranno interrati.

Dopo che le iris reticulata hanno fiorito, è opportuno somministrare un fertilizzante liquido completo ogni quindici giorni, e questo finché le foglie non sono ingiallite, in modo da assicurarsi una buona fioritura per la stagione seguente.

I bulbi delle iris juno non si tolgono da terra se non quando diventano troppo ravvicinati e numerosi. Con la forca, interrare un composto organico nell’aiuola dei bulbi, avendo cura di non danneggiare le radici.

Se il terreno è carente di calcio, spargere annualmente calce o gesso agricolo in ragione di un cucchiaio da tavola colmo per ogni m2.

La moltiplicazione per divisione

La divisione dei bulbi è il sistema più comune per aumentare la quantità di tutte le iris bulbose.

Dividere i bulbi delle iris d’Olanda e d’Inghilterra quando diventano troppo fìtti, e quelli delle iris di Spagna (o anche d’Olanda, se necessario) una volta all’anno.

Quando le foglie sono compietamente essiccate, mediante una forca sollevare dal terreno, delicatamente, i bulbi.

Farli asciugare per alcune settimane, ripulirli e poi dividerli; ripiantarli in settembre o in ottobre.

I bulbi più grossi fioriscono dopo un anno. I bulbetti più piccoli devono essere piantati in un’aiuola destinata a semenzaio, dove si sono fatti fori di circa cm 2,50. Preparare il terreno ben lavorato incorporandovi un pugno di perfosfato per ogni m2. I bulbi raggiungono la maturità dopo un periodo di circa due anni.

Se i bulbi delle iris reticulata sono troppi fitti, devono essere tolti da terra verso giugno, quando l’apparato fogliare è ingiallito, fatti asciugare e ripiantati in settembre o in ottobre.

La moltiplicazione dei bulbi di iris juno deve essere fatta quando il fogliame è completamente essiccato. Siccome l’apparato radicale è fragile, fare molta attenzione sia nel togliere i bulbi da terra sia nel ricoverarli, perché la rottura dell’apparato radicale indebolirebbe la pianta, che non fiorirà finché non avrà riemesso nuove radici: si perderebbero quindi due fioriture nella stagione. Pertanto, il terreno attorno a ogni bulbo deve essere rimosso con delicatezza e i bulbi devono essere tolti da terra con una piccola forca a mano e separati con molta cura, assicurandosi che ogni bulbo abbia almeno una radice sana e bene attaccata. Ripiantare subito.

Rispondi