Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Le erbacee perenni: le gabbie metalliche per le piante molto alte, sostegni con canne di bambù e ramaglie per piante a fusto debole

Le gabbie metalliche per le piante molto alte

Le piante che crescono eccezionalmente alte (cm 150-180), come filipendula, alcune varietà di heliopsis, polygonum, rudbeckia e delphinium, possono essere sostenute con gabbie metalliche cilindriche, a cui non occorre legare le piante. Per costruire queste gabbie, con una rete di filo di ferro zincato con una luce di maglia di cm 20 circa (si può anche usare filo ricoperto di plastica), formare un cilindro sufficientemente ampio da contenere l’intero gruppo di piante che si vuole sostenere.

Una volta collocata la gabbia cilindrica, infilare nel terreno all’interno tre canne di bambù a intervalli regolari e legarle alla rete in basso, a metà e in cima.

Se le piante crescono ancora più alte di questa prima gabbia, sovrapporne un’altra, facendo combaciare la prima fila di maglie di questa con l’ultima fila del cilindro già in loco e quindi legandole strette.

I sostegni fatti con canne di bambù

Un sostegno di bambù va bene per le piante che crescono più di cm 60 e fino a 120-150, per esempio i delphinium, i malvoni e il thalictrum.

Se le piante hanno un unico stelo, infiggere una canna di bambù nel terreno in modo che stia ben ferma e legarvi lo stelo con rafia, anelli di filo metallico o altri legacci adatti allo scopo. Quando gli steli crescono, fare ulteriori legature intervallate di cm 15-25. Se le piante crescono in gruppo, inserire nel terreno attorno tre canne di bambù a uguale distanza l’una dall’altra. Queste devono essere molto vicine alla pianta e leggermente piegate verso l’esterno.

A cm 15-20 dal livello del terreno, legare uno spago attorno alla prima canna, indi farlo passare attorno alle altre due. Infine, tendere molto bene il filo e fermarlo legandolo saldamente attorno alle canne. Via via che la pianta continua nella crescita, fare altre legature come quella descritta, mantenendo distanze di cm 25.

Le ramaglie per sostenere le piante a fusto debole

Le piante che hanno un fusto particolarmente debole e crescono più di cm 60 oppure tutte quelle che possono essere danneggiate dai venti è consigliabile siano sostenute mediante il tipo di rami che di solito servono per i piselli rampicanti.

Le ramaglie per piselli sono il prodotto della cimatura di alberi di piccole dimensioni o del taglio di siepi. Quasi tutti gli alberi o gli arbusti – in particolare il nocciuolo, l’olmo, il castagno, la quercia e l’acero – forniscono sostegni molto funzionali per questo scopo.

Prima di fissare al suolo questi sostegni, bisogna accertarsi che il terreno sia soffice e permeabile. Infatti, sforzare i bastoni potrebbe romperli. Fissarne due o tre il più vicino possibile al centro della pianta e premerli nel terreno più che si può in modo che risultino stabili. Per un gruppo di piante che crescono insieme due o tre rami sono solitamente sufficienti, ma se si prevede che quel particolare tipo di pianta tenda ad aprirsi dopo abbondanti piogge oppure durante forti venti, fissare rami anche in zone più esterne rispetto alla pianta, al fine di creare ulteriori sostegni. All’altezza di quella che sarà l’eventuale attaccatura del fiore, rompere le cime dei bastoni, piegarle verso l’interno e intrecciarle in modo da creare una specie di tettoia che tenga ferma tutta l’impalcatura di sostegno.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.