Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Le piante da roccia

Un giardino roccioso ricrea l’ambiente montano con i suoi declivi e i suoi picchi che si alternano senza regole fìsse. Le piante che vi si adattano bene sono quelle capaci di crescere e prosperare in terreni irregolari e sassosi

Le piante alpine e da roccia sono particolarmente affascinanti per via dei loro delicati dettagli e delle forme meravigliosamente miniaturizzate.

Poiché il loro ambiente naturale è quello delle pietrose regioni montane, esse sono molto robuste e riescono a vegetare anche in terreni aridi e battuti da forti venti. Naturalmente, crescono bene anche nei giardini, se si fornisce loro un terreno molto ben drenato, che ricrei le condizioni di quello dell’ambiente naturale.

Le ridotte dimensioni le rendono adatte a crescere anche in spazi ristretti, nei mastelli e in qualsiasi altro tipo di contenitore, cosicché nessun giardino, per quanto piccolo, dovrebbe privarsi dei loro brillanti colori; inoltre, una volta piantate, hanno bisogno solo di essere ripulite dalle erbe infestanti, che potrebbero soffocarle.

Nel loro ambiente naturale la maggior parte delle piante alpine sono ricoperte, durante la stagione invernale, da una soffice coltre di neve che le preserva e le difende dalle basse temperature e dall’eccessiva umidità. In un giardino, invece, la mancanza di tali condizioni potrebbe farle soffrire. È questa la ragione per cui, in certi casi, le piante di cui stiamo trattando crescono meglio in vaso e poi in una serra fredda molto ventilata, che imiti l’ambiente caratteristico delle montagne.

In ogni modo, molte piante alpine crescono bene anche all’aperto e possono essere utilizzate per adornare i cosiddetti giardini rocciosi.

Un giardino di questo tipo può essere costruito con minima spesa, usando pochi sassi che, sistemati elegantemente, facciano sembrare più ampia la superficie del terreno. Vanno bene sassi di qualsiasi tipo, e quindi non è necessario l’uso di pietre appositamente estratte da cave, che si tradurrebbe in una spesa non indifferente.

Le piante per un giardino roccioso devono essere scelte in modo che si riesca a ottenere una fioritura continua per tutto l’arco dell’anno. Per esempio, i bulbi di piante nane, che possono essere piantati sotto delle piante tappezzanti, forniscono un manto di bei colori, che può essere ammirato durante il periodo invernale.

Per la coltivazione delle piante da roccia sono luoghi adatti anche le zone pavimentate e i prati di tipo alpino.

Nelle zone pavimentate le lastre di pietra devono essere collocate su uno strato di sabbia e tra l’una e l’altra occorre lasciare degli interstizi per coltivarvi certe piante aromatiche che, quando vengono calpestate, emanano effluvi profumati.

In un prato di tipo alpino, invece, che può trovare posto sulle parti basse di un giardino roccioso, si coltivano piante da roccia di dimensioni ridotte insieme a delle bulbose.

Le piante alpine e le piante da roccia (che sono praticamente sinonimi) possono essere coltivate pure in aiuole rialzate. In tal caso, piante con differenti esigenze di terreno e di esposizione possono essere messe a dimora in aiuole preparate con differenti qualità di terra.

I sistemi per costruire aiuole sopraelevate sono molteplici, ma di solito si sovrappongono numerose pietre, come si fa quando si costruisce un muro a secco, mettendo del terreno tra le fessure e piantandovi specie di piante che, una volta adulte, fanno ricadere i loro rami lungo le pareti del rialzo.

In alternativa, poi, si possono anche usare mattoni, che vengono cementati sul posto, lasciando tra l’uno e l’altro dei buchi (tasche) per il drenaggio, oppure blocchi di torba, solo però se l’aiuola è bassa, perché la torba si secca facilmente se viene ammucchiata in gran quantità.

L’altezza di un’aiuola può variare da cm 15 a 90, a seconda delle esigenze.

In giardino, le piante da roccia e quelle alpine possono essere coltivate anche insieme ad altre specie. Per esempio, una bordura di arbusti potrebbe contenere anche piante ricadenti oppure nane, soprattutto se è circondata da un bordo sassoso.

Molte delle più alte piante da roccia, inoltre, si associano bene con le erbacee perenni.

Nonostante la loro versatilità nell’impiego come piante da giardino, le piante da roccia non sono invece adatte a essere coltivate in casa, perché abbisognano di sole in estate e di clima freddo e secco in inverno.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.