Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Le siepi

Le siepi sono un elemento essenziale per ogni giardino. Esse possono essere potate secondo forme diverse oppure lasciate crescere libere

Le siepi sono adatte per formare cortine frangivento e per separare una parte del giardino da un’altra.

I sempreverdi sono piante ideali per formare siepi, in quanto rimangono inalterati nella forma e verdi durante tutto l’inverno. Al Nord sono particolarmente adatti il tasso e l’agrifoglio, che creano siepi molto fitte e devono essere potati solo una volta all’anno. Sono molto usate anche le piante che si sviluppano notevolmente, come il ligustro o il lauroceraso, ma queste specie devono essere potate più volte nell’anno, al fine di tenerle ordinate e per favorire l’ispessimento della siepe..

Le siepi possono anche essere formate con conifere: di colore verde cupo, come il cipresso nero e l’abete rosso (in montagna), o più chiaro, come il cipresso di Monterey (a crescita molto veloce, che sviluppa cm 70-90 ogni anno) e la Chamaecyparis lawsoniana, varietà “Green Hedger”

(siepe verde). Queste piante possono essere potate in forme regolari senza danno. Per creare una densa barriera di rami, piantarle a circa cm 60 l’una dall’altra.

La lavanda crea una siepe fragrante, sempreverde, di un’altezza massima di cm 70. La Escallonia macrantha, con i suoi splendidi fiori estivi, forma grandi arbusti sempreverdi, quando è posta a dimora isolata. Quando invece è utilizzata per fare siepi, ha uno sviluppo più ridotto, ma resiste molto bene al vento salino e cresce normalmente nei climi caldi.

Anche gli arbusti e gli alberi decidui sono usati per le siepi: particolarmente indicati sono i faggi e i carpini, che conservano le loro foglie marroni e gialle per tutto l’inverno, fino all’inizio della primavera.

Quando una siepe non è usata per creare una barriera ed è formata da piante che fioriscono o da arbusti che portano bacche, come la Fuchsia magellanica o il Cotoneaster lacteus, la si può far sviluppare secondo le sue proprie caratteristiche, senza tagliarla eccessivamente.

Un arbusto popolare è la gialla forsythia dai fiori splendenti. La varietà più spettacolare, la “Lynwood”, che fiorisce molto e liberamente, può essere impiegata per formare una siepe ordinata e compatta.

Anche il berberis, che presenta varietà sia del tipo sempreverde sia deciduo, con fiori gialli e arancio, può essere usato per fare belle siepi informali.

Pure gli alberi possono essere utilizzati per siepi giganti e come frangivento: proteggono i giardini dai venti molto meglio di quanto non lo facciano i muri o gli steccati, perché lasciano filtrare l’aria e, nello stesso tempo, la rallentano; un muro ferma i venti, ma favorisce la creazione di forti correnti. Sulle coste, si possono impiegare per questo scopo anche specie esotiche, come l’acacia saligna, che resistono bene agli effetti del sale. Nei grandi parchi, lontani dal mare, sono adatti gli olmi, i tigli e gli aceri campestri.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.

Articoli precedenti: