Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Gli ortaggi: lattuga e la semina

La lattuga può essere coltivata e consumata per quasi tutto l’anno, anche se è un po’ più difficile in inverno.

Dalla fine di marzo fino alla fine di luglio, si possono fare semine all’aperto per avere i raccolti da giugno a metà ottobre. I semi vanno collocati direttamente nell’appezzamento in cui cresceranno le piante.

Le semine per la raccolta di novembre e dicembre possono essere fatte all’aperto ai primi di agosto, ma a settembre le piantine di lattuga, affinché possano crescere fino a completa maturazione, devono essere trapiantate in un letto caldo.

Le varietà più rustiche seminate all’aperto alla fine di agosto o ai primi di settembre possono essere coltivate sempre all’aperto per tutto l’inverno soltanto nelle regioni più temperate, per la raccolta di fine aprile.

Verso la metà di ottobre, le varietà di lattuga da portare a maturazione sotto vetro (varietà da forzare) possono essere seminate all’aperto oppure sotto un piccolo tunnel. Le piantine devono poi essere trapiantate e messe sotto vetro ai primi di dicembre, o in un letto freddo o sotto un altro tunnel, per essere pronte per il consumo in aprile.

Le semine sotto vetro si possono fare in gennaio o in febbraio per la raccolta di primavera o inizio estate.

La lattuga dovrebbe crescere il più velocemente possibile e senza particolari controlli. Il terreno ideale deve essere ricco, umido, leggero e dovrebbe essere stato concimato durante l’autunno o l’inverno. Fino al momento della semina, vangare la terra e lasciare le zolle esposte agli agenti atmosferici. Quindi, rompere le zolle e rastrellare finché il terreno in superficie non si è ben sciolto. Prima di procedere alla semina, immettere nel terreno g 60 o 90 di fertilizzante generico per ogni m2.

La lattuga può essere coltivata in un appezzamento anche come coltura di attesa oppure in rotazione con altre colture, per esempio gli spinaci. Una posizione bene esposta ai raggi del sole è molto importante per le varietà precoci, ma le lattughe che si colgono a metà estate hanno bisogno di meno acqua se vengono coltivate in appezzamenti leggermente in ombra.

La semina per avere raccolti tutto l’anno

Seminare la lattuga a più riprese, in modo da avere dei raccolti in successione. Questo ortaggio deve essere consumato non appena è maturo. Per le semine da marzo a luglio, esistono in commercio bustine di differenti varietà, che maturano in tempi diversi e di cui la più precoce può essere raccolta un mese dopo la semina.

Ci sono tre tipi principali di lattuga: quelle dette “a cappuccio”, con cespo più o meno compatto, globoso, arrotondato o appiattito e con foglie ricce o lisce; quelle con il cespo allungato e quasi cilindrico e dalle foglie allungate con nervatura centrale grossa e carnosa (lattughe “romane”); quelle dette “da taglio”, in quanto via via che vengono tagliate, rivegetano emettendo foglie dal medesimo apparato radicale. Di queste ultime esistono diverse varietà con foglie a margini lisci, crespati, ondulati e anche variamente colorate di bruno porporino, oltre che monocolori.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.