Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Gli ortaggi: patata dolce e peperone

Le patate dolci, dette anche patate americane, sono normalmente coltivate dove l’estate è lunga e calda, ma si possono anche coltivare ovunque vi sia almeno un ciclo vegetativo di 150 giorni senza timore di eventuali brinate.

Una volta messa a dimora, la patata dolce non ha necessità di particolari cure per produrre i suoi nutrienti e saporiti tuberi.

La coltivazione delle patate dolci

I tralci delle patate dolci si dipartono dagli occhi e dai germogli emessi dai tuberi.

Un tubero collocato su un ripiano, in un contenitore con un poco d’acqua, può produrre diversi germogli; una grande quantità di germogli, invece, può essere ottenuta collocando diversi tuberi in un’aiuola di sabbia e ricoprendoli con cm 5 di sabbia umida o terriccio.

1 tuberi vegetanti, che devono essere tenuti a 24°, si devono far vegetare un mese prima che il tempo si assesti, cioè quando la temperatura notturna non sia inferiore a 15°.

Durante questo periodo, i germogli crescono fino a cm 20-25 e ognuno di essi con molte foglie. Quindi rimuovere i polloni da piantare, torcendoli.

Per preparare il terreno, che le patate dolci prediligono sciolto e sabbioso, interrare fertilizzante 5-10-10 in ragione di circa kg 1 per un filare di m 7,50.

Formare un piccolo mucchio di terra appiattito, largo cm 30 e alto circa cm 15.

Mettere a dimora un pollone ogni cm 40 al centro del mucchio di terra, a una profondità di circa cm 15, lasciando in superficie al massimo due foglie; infine, innaffiare.

Le cure colturali e la raccolta

Le patate dolci richiedono in genere pochissime cure.

Un poco di diserbo, fatto accuratamente per non danneggiare le radici superficiali, è tutto quanto di solito è necessario a questa pianta.

Quando l’apice della pianta diventa nero, dopo la prima brinata, le patate dolci sono pronte per essere raccolte. Nelle zone a clima caldo, la raccolta avviene solitamente quattro mesi dopo la piantagione dei polloni; nelle regioni dove il ciclo vegetativo è più corto, i tuberi devono invece essere tolti da terra prima che raggiungano la completa maturazione.

Togliendo dal terreno le patate dolci, fare molta attenzione, perché è facile che la buccia resti lesionata.

Far asciugare i tuberi per alcune ore e poi allargarli in cassette ricoperte con carta di giornale. Quindi ricoverarle in un luogo asciutto e caldo per circa due settimane e, infine, porle in un locale fresco ma asciutto, a una temperatura di circa 10-13°.

VARIETÀ DI PATATE DOLCI

A POLPA ASCIUTTA “Nemagold”

“Jersey Orange”

“Nugget”

A POLPA UMIDA “Centennial”

“Puerto Rico”

Peperone

Esistono due tipi di peperoni: quelli dolci e quelli piccanti. I peperoni dolci sono detti anche “a campana” (per la forma caratteristica) o peperoni verdi, sebbene possano divenire rossi

0 gialli alla piena maturazione. Anche

1 peperoni piccanti, inizialmente verdi, diventano rossi o gialli quando maturano.

I peperoni, come i pomodori e le melanzane, prediligono le zone calde e si coltivano tutti allo stesso modo, o quasi. Nelle regioni alpine, in cui il ciclo vegetativo è più corto, conviene scegliere varietà precoci, poiché passano al minimo 2 mesi da quando le piante sono poste all’esterno fino all’epoca di maturazione. Questo lasso di tempo non prevede, naturalmente, le 8 settimane necessarie per produrre giovani piantine da seme, pronte per essere trapiantate all’esterno.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.