Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

La lattuga: coltivazione e raccolta e difficoltà e inconvenienti nella coltivazione

Zappare regolarmente tra i filari, in modo da mantenere il terreno ben aerato e costantemente libero dalle erbe infestanti.

Bagnare le piante coltivate all’aperto nei periodi di siccità, non permettendo al terreno di inaridirsi. Una volta che si è iniziato a innaffiare, bisogna proseguire regolarmente per tutto il periodo in cui il clima rimane secco, altrimenti le piante fioriscono prematuramente, ancor prima di formare il cuore.

Gli uccelli costituiscono un notevole pericolo per la lattuga, in quanto beccano le giovani piante: occorre perciò costruire una protezione di rete, già confezionata oppure approntata con fili incrociati. Quando le lattughe hanno raggiunto la rete, non sono più appetibili per gli uccelli e quindi le coperture possono essere rimosse e messe a protezione di altre piante più giovani.

Le lattughe, coltivate sotto vetro oppure all’aperto, devono essere difese anche dagli attacchi delle lumache. Dopo che le piante sono germogliate oppure appena dopo il trapianto, è opportuno spargere prodotti limacidi (cioè sostanze dannose alle lumache) lungo i filari.

Se è necessario, bagnare, ma alla mattina presto, e assicurarsi che vi sia una sufficiente ventilazione.

Tutte le volte che il tempo lo permette, è bene anche alzare gli sportelli dei cassoni, le campanature o le estremità dei tunnel. Se le campanature non sono fornite di ventilatori, rimuoverle di giorno e rimetterle in loco per la notte, per proteggere le piante da un’eventuale gelata.

La lattuga va raccolta al mattino presto, quando è irrorata di rugiada. Usare un coltello affilato per tagliarla nella parte più bassa del fusto. In seguito, sterrare tutto quanto è rimasto e aggiungerlo al mucchio degli altri composti organici del giardino per fame concime. ta appassisce e la parte superiore si separa facilmente dalle radici. Immettere un geodisinfestante nel terreno prima di seminare o trapiantare, irrorare le piante coltivate all’aperto con prodotti a base di ditiocarbammati o ftalimidici e fare un trattamento di fumigazioni a quelle sotto vetro. Non effettuare irrorazioni se mancano meno di 15 giorni alla raccolta, perché la presenza di tali sostanze potrebbe nuocere alla salute.

Afidi delle radici Gli afidi qualche volta possono infestare le foglie rendendole appiccicose. Se si è a meno di un mese dalla raccolta, estirpare e bruciare le piante colpite. Altrimenti, effettuare un trattamento con un aficida specifico. Attenzione, però: questi prodotti sono, in genere, molto pericolosi e possono venire prescritti solo da un dottore agronomo, da un perito agrario o da un tecnico patentato. Ripulire sempre il terreno dai residui di piante, radici o fusti.

Altre difficoltà Altri inconvenienti possono essere gli attacchi alle giovani piantine da parte di lumache e uccelli, di cui si è già detto, oppure una eccessiva umidità.

VARIETÀ DI LATTUGA

A CAPPUCCIO a) Invernale

“Meraviglia d’inverno”

“Di Mombach”

“Parella”

“Trocadero la Preferita” “Invernale di Mombach” “Vallorge” b) Primaverile “Regina di maggio” “Attrazione”

“Mirella”

“Appia” c) Estiva – autunnale “Feronia”

“S. Anna”

“America”

“Bruna di Germania” “Meraviglia delle 4 stagioni” “Asda”

“Batavia”

“Great Lakes”

“Regina dei ghiacci”

“Glaciale di Lubiana” “Adriatica agostana”

“Unicum”

“Regina d’estate”

“Valor”

“Trocadero”

“Aurelia”

“Kagraner”

“Emilia”

ROMANA

“Verde degli ortolani” “Mortarella verde d’inverno” “Bionda degli ortolani”

“Ballon de Bougival” “Lentissima da montare” “Bionda delle sette lune” “Verde d’inverno a costa rossa” “Marvel”

DA TAGLIO “Dauphine”

“Salad Bowl”

“Gorina”

“Radichetta”

“Merveille”

“Bionda a foglia liscia”

“Bionda riccia d’Australia” “Ricciuta dei frati”

“Ghiacciola di Chioggia” “Riccia rossa d’America”

“Rossa di Trento”

“Biscia rossa”

“Catalogna”

Difficoltà e inconvenienti nella coltivazione

Fioritura prematura La lattuga facilmente fiorisce anticipatamente, producendo dei fusti grossi, spessi, amari e non commestibili. Per prevenire questo inconveniente, bisogna evitare di trapiantare in ritardo, di tenere le piante troppo ravvicinate e di far mancare l’acqua. Se la lattuga fiorisce, non lasciarla nell’aiuola, ma strapparla e metterla tra i rifiuti nella concimaia.

Peronospora Questo inconveniente non capita se le piante sono bagnate nella giusta misura, sono ben ventilate e si rispetta la rotazione dei raccolti. Se tuttavia si forma una peluria biancastra o grigiastra sotto le foglie e compaiono macchie gialle sulla superfìcie superiore, irrorare le piante colpite con prodotti a base di ditiocarbammati o ftalimidici. Non effettuare trattamenti se si prevede di raccogliere prima di 15 giorni.

Muffa grigia La causa di questa malattia è un fungo, che fa marcire la pianta a livello del terreno, dove essa si copre di una muffa grigia. La pianMais

Rispondi