Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

La lattuga: semina del raccolto principale, semina autunnale, semina per un raccolto precoce, semina per un raccolto primaverile ed estivo

Semina del raccolto principale

Fare la prima semina all’aperto verso la fine di marzo e continuare, con ulteriori semine ogni 15 giorni, fino alla fine di luglio, in modo da garantire un raccolto continuo da giugno a metà ottobre. Seminare metà filare per volta, in solchi profondi cm 1,50 e distanziati di circa cm 30.

Lo sfoltimento va iniziato quando i semi hanno germogliato e sono comparse le prime due vere foglie: asportare le piantine più deboli, in modo che le rimanenti siano dapprima distanziate tra loro di cm 8, poi di cm 15 e infine di cm 30. Dopo ogni sfoltimento, pressare il terreno attorno alle piante rimaste nell’aiuola. Le piantine derivanti dagli sfoltimenti vanno adoperate per riempire i vuoti tra i filari, però non devono più essere trapiantate dopo aprile, perché fiorirebbero prematuramente con il tempo secco, a meno di bagnare abbondantemente .

Semina per il raccolto autunnale o degli inizi dell’inverno

Non più tardi della prima settimana di agosto, seminare una varietà da forzare in un semenzaio all’aperto.

Fatti dei solchi profondi cm 1,50 e distanziati cm 6, seminare molto rado. Quando, all’inizio di settembre le piantine si sono ben formate, trapiantarle in un cassone a vetri, a cm 20 di distanza l’una dall’altra e non troppo in profondità, se si vogliono evitare malattie. Alla metà di settembre, coprire il cassone con lo sportello di vetro.

Le piantine possono anche rimanere nel loro semenzaio, ma occorre sfoltirle finché non risultano distanziate di cm 20-30. Poi, da metà settembre in poi, vanno coperte con una campanatura chiusa alle estremità dei filari: la lattuga sarà pronta in novembre o in dicembre.

Una varietà da forzare può essere seminata nel terreno della serra alla fine di agosto, perché sia pronta in dicembre: fare alcuni solchi profondi cm 1,50 e distanti tra loro cm 30; tenere le piante ben bagnate e sfoltire a più riprese finché non risultano distanziate di cm 30; mantenere una temperatura minima di 7-10°.

Semina per un raccolto precoce

sotto vetro all’inizio della primavera Una varietà da forzare può essere seminata, all’aperto o in cassone freddo o sotto un tunnel, alla metà di ottobre per essere pronta in aprile.

Per le semine all’aperto, fare dei solchi profondi cm 1,50 e distanziati cm 15. Per le semine sotto protezione, gli stessi solchi devono essere distanziati cm 10. I tunnel di plastica (2-3 filari possono stare sotto un unico tunnel) devono essere chiusi alle due estremità.

Iniziare il trapianto da dicembre in avanti, quando le piantine si sono ben formate: trasferire le piantine seminate in un ambiente protetto in altri tunnel liberi e quelle seminate all’aperto in cassoni. Le prime vanno distanziate di cm 25-30 su filari segnati ogni cm 30, le altre di cm 20, allo stesso modo dei raccolti autunnali o invernali. Se si dispone di paglia, metterla attorno al cassone per attenuare l’effetto del freddo.

Semina per un raccolto primaverile

All’aperto Nelle zone più calde si potrebbe rischiare e seminare all’aperto, senza protezioni, le varietà più resistenti al freddo invernale: tali varietà supereranno molto bene l’autunno e anche l’inverno se il freddo non sarà eccessivo.

Alla fine di agosto oppure agli inizi di settembre, collocare gruppetti di semi ogni cm 8 in solchi profondi cm 1,50 e distanziati di cm 30.

In ottobre, procedere a un primo sfoltimento che lasci una piantina ogni cm 8. All’inizio della primavera, effettuare altri sfoltimenti in modo che, alla fine, le piantine risultino distanziate di cm 25-30.

La lattuga sarà pronta per la fine di aprile o in maggio.

Semina per un raccolto estivo

Sotto vetro Dalla metà di gennaio fino alla fine di febbraio, seminare le varietà adatte alla forzatura in varie riprese, sia sotto campanature sia in cassoni, per consumare la lattuga alla fine di aprile.

Per la coltivazione sotto i tunnel, seminare e trapiantare come per il raccolto dell’inizio di primavera. Per la coltivazione in cassone, seminare rado in solchi profondi cm 1,50 e distanziati cm 15. Quando le piantine sono ben sviluppate, trapiantarle in un altro cassone a distanza di cm 20.

Procedere al rinvigorimento aerando per gradi fino alla completa rimozione sia dei tunnel sia degli sportelli del cassone verso la metà di aprile. Se non piove, conservare umido il terreno.

Approntamento di un raccolto estivo mediante coltivazione sotto vetro In gennaio o ai primi di febbraio, seminare la lattuga a cappuccio (non le varietà da forzare) in una serra fredda o in un cassone, per avere il raccolto per la metà di maggio.

Spargere i semi sopra il terriccio di un germinatoio e ricoprirli appena. Collocare sopra il germinatoio una lastra di vetro e un giornale.

Controllare periodicamente se è iniziata la germinazione (di solito, occorrono da 6 a 10 giorni); poi, rimuovere la carta, altrimenti i germogli “filerebbero”, cioè diverrebbero lunghi, deboli e sottili.

Quando le piantine hanno 3-4 settimane di vita, trapiantarle in una cassetta più profonda e bagnarle.

Iniziare il rinvigorimento verso la terza settimana di marzo, in modo che le piantine siano pronte per il trapianto in aprile.

Rispondi