Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Temperatura ottimale per le piante da appartamento

Temperatura ottimale per le piante da appartamento

La salute delle piante dipende anche da una temperatura corretta. Ricerche ed esperimenti hanno rilevato che le piante necessitano dell’escursione termica che si produce normalmente fra il giorno e la notte. Durante le ore di luce le piante immagazzinano ed elaborano le sostanze nutritive, inoltre compiono il processo di fotosintesi, che non potrebbe prodursi in mancanza di calore. Durante le ore notturne, quando la temperatura scende, le piante cessano quest’attività per assimilare il nutrimento immagazzinato e crescere.

L’abbassamento di temperatura è uno dei fattori principali che provoca il cambiamento di attività delle piante, di conseguenza se vengono coltivate in un ambiente a temperatura costante non sono in grado di assimilare correttamente le sostanze nutritive e non riescono a crescere e fiorire secondo il loro potenziale. Un’eccezione a questa regola è la violetta africana, che è invece in grado di prosperare in ambienti a temperatura costante.

La temperatura media nella maggior parte delle abitazioni oscilla fra i 20 e i 22 °C, quindi vi cresceranno meglio quelle piante il cui habitat presenta condizioni termiche simili. Le piante muoiono se esposte a temperature vicine o sotto lo zero, ma alcune specie tropicali subiranno danni anche a temperature inferiori ai 10 °C.

Per assicurare le condizioni ottimali per la crescita, durante la notte la temperatura dell’appartamento dovrebbe scendere di 5-8 °C. In inverno, le abitazioni sono spesso eccessivamente riscaldate, tuttavia la temperatura vicino alle finestre sarà sempre più bassa; questo microclima risulterà utile ai gerani, alle orchidee, alle piante grasse e a tutte le specie che necessitano di un clima fresco per prosperare.

Non collocate mai le piante vicino a radiatori o ad altre fonti dirette di calore perché avvizzirebbero. Potete, però, posarle su un radiatore a condizione di isolarlo con una spessa asse di legno o di isolante termico, il calore giungerà alla pianta in quantità minima senza causarle alcun danno.

Durante le notti invernali sarà meglio proteggere dal freddo quelle piante che sono state collocate vicino alle finestre: chiudete gli scuri e, se necessario, isolate l’infisso con della plastica per bloccare gli spifferi. Consultate le Schede botaniche per stabilire la temperatura richiesta da ogni tipo di pianta, alcune sono estremamente delicate e hanno bisogno di temperature ben precise per crescere rigogliose.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.

Tre articoli a caso: