Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Terriccio per le piante da appartamento

Terriccio per le piante da appartamento
Il terriccio in cui si coltivano le piante da appartamento svolge diverse funzioni vitali importanti: sostiene fisicamente la pianta, protegge le radici ed è il tramite per l’acqua, l’aria e il nutrimento necessari a una crescita sana. Il terriccio fornisce inoltre sostanze nutritive e minerali che contribuiscono allo sviluppo della pianta.

La sabbia, l’argilla e l’humus costituiscono i tre componenti principali per ottenere una buona miscela per le piante d’appartamento, ognuno di essi svolge una funzione particolare. La sabbia, roccia sgretolata, crea con i suoi granelli delle bolle d’aria che permettono all’acqua in eccesso di defluire, evitando che il terriccio ne resti impregnato. Si può sostituire la sabbia con la vermiculite o la perlite. L’argilla, composta da minuscole particelle che, con aggiunta d’acqua, si legano fra loro e si amalgamano saldamente, serve per mantenere unito il terriccio e conferirgli una certa compattezza. L’humus è la parte organica del terriccio, formata da particelle animali e vegetali parzialmente decomposte. Fornisce nutrimento alle piante e, grazie alla sua consistenza spugnosa, consente al terriccio di trattenere l’umidità (se viene utilizzato senza sabbia rende il terriccio eccessivamente bagnato).

È meglio comprare una miscela già preparata, pastorizzata e sterilizzata, priva di batteri nocivi. In commercio si trovano, confezionate in sacchetti di plastica, miscele appositamente preparate per i diversi tipi di piante. È anche possibile comprare, in confezioni separate, i singoli componenti: torba, perlite, vermiculite, sfagno intero o frantumato e terra universale e preparare la miscela per conto proprio.

Lo sfagno è eccellente per coltivare i semenzali, poiché possiede proprietà antibiotiche capaci di proteggerli dalle malattie, è costituito da residui di piante paludose accumulatisi nel corso dei secoli. In commercio ne sono disponibili due varietà: lo sfagno marrone chiaro, di grana più grossa e a uno stadio di decomposizione meno avanzato, particolarmente adatto per le piante che necessitano di humus, e una varietà di colore più scuro, vellutato, che presenta un elevato indice di acidità, indicato per le piante che prediligono terricci acidi, come le gardenie e la maggior parte delle Gesneriacee.

Ogni pianta, per poter crescere rigogliosa, necessita di un terriccio adatto alle proprie esigenze. Se il terreno è troppo acido o troppo alcalino, gli elementi vitali in esso contenuti non potranno essere adeguatamente assimilati dai peli radicali della pianta, che sarà così privata del nutrimento essenziale.

Recentemente, la ricerca nel settore agrario ha portato alla produzione di miscele completamente prive di terra, sterili e contenenti gli elementi necessari alla crescita, in particolare modo, delle piante coltivate con illuminazione artificiale. Inoltre, a causa della loro leggerezza, queste miscele facilitano il trasporto delle piante ai singoli punti di vendita.

È assolutamente sconsigliato utilizzare per le piante da interno la terra così come viene raccolta all’aperto. Innanzi tutto occorre pastorizzarla per eliminare i microrganismi che potrebbero causare gravi danni alla pianta, si bagnerà quindi la terra e la si metterà per mezz’ora in forno a una temperatura di 82 °C. Inoltre la terra allo stato naturale è spesso troppo compatta e pesante per consentire un buon drenaggio dei vasi.

Per preparare un terriccio adatto alle piante da appartamento, mescolate i seguenti componenti in parti uguali:

• terra da giardino (o terra universale);
• sabbia (sostituibile con perlite o vermiculite);
• torba (composta);
• una piccola quantità di carbone (fertilizzante o purificante per terricci).

Se la pianta preferisce un terreno particolarmente acido, aggiungete una dose supplementare di torba e non dimenticate di migliorare il drenaggio con perlite o vermiculite.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.