Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

La creazione di un giardino: le piante lungo scalinate, viali e sentieri

La maggior parte dei giardini presenta una scala, non fosse che per l’unico gradino che divide l’abitazione dal terrazzo prospiciente la casa oppure questo dal tappeto erboso.

Molti terreni in pendenza, sia verso la casa sia verso il fondo del giardino, terrazzati su diversi piani e a volte muniti di balaustre, sono agibili mediante gradini. Un giardino in forte declivio di solito è suddiviso in porzioni di terreno livellate su diverse quote, tenute in piano mediante muretti bassi di contenimento della terra, comunicanti tra loro con scalinate.

I gradini di per sé non sono certo un elemento decorativo, ma, ingentiliti con appropriate specie di piante, possono conferire al complesso del giardino una nota di particolare preziosità. Le piante adatte a questo scopo devono essere scelte accuratamente, in modo che abbelliscano i lati dei gradini, ma non li mascherino completamente. Le piante rampicanti, per esempio, devono essere fatte sviluppare verso l’esterno dei gradini e non su di essi né di traverso.

1 gradoni larghi e bassi possono essere decorati con erbacee rustiche perenni o semiarbustive, che creano deliziose masse basse, piuttosto che con conifere dal portamento eretto e piramidale. Il colore dei fiori e del fogliame di queste piante deve necessariamente essere armonizzato al colore della pietra impiegata: toni di verde pastello, di grigio argentato e di giallo chiaro meglio si adattano alle sfumature della pietra naturale, mentre un colore vivace riesce a distrarre l’attenzione dagli incolori gradini in cemento.

Tra gli interstizi alla base dell’alzata dei gradoni larghi e bassi, si possono mettere a dimora numerose piante tappezzanti o a cuscino, consigliate per i giardini lastricati: Campanula portenschlagiana, Dianthus gratianopolitanus, Erigeron mucronatus e Phlox subulata sono le specie più adatte a questo scopo.

Nella maggioranza dei casi, però, si preferisce decorare soltanto i fianchi delle scalinate, in modo da lasciare spazio per lo sviluppo futuro delle piante: l’alisso, l’aubrietia, la gypsophila, il geranio edera e il timo, soprattutto le varietà rampicanti, ricadranno con la loro vegetazione dai gradini più alti verso quelli più bassi.

Su entrambi i lati dei gradini inferiori si possono mettere a dimora piante tappezzanti, comfe Iberis sempervirens, varietà nepeta e Polygonum vaccinifolium rosa o rosso.

Se vi è spazio sufficiente, ai bordi dei gradini si possono poi collocare lavanda, ginestra, helianthemum, santolina a foglie argentate e Cineraria maritiina, tutte piante semicespugliose che fanno sembrare il giardino più ricco. Le eriche e le conifere a portamento prostrato, con fogliame glauco o dorato, hanno invece il pregio di costituire, per tutto l’anno, decorative macchie di colore.

Molti giardini alla periferia delle città presentano numerosi viali che, intersecandosi, creano aiuole rettangolari o quadrate. In fondo al giardino, può essere necessario un passaggio per accedere al capanno degli attrezzi, alla concimaia oppure alla serra: per quanto è possibile, è meglio che segua l’andamento del margine del tappeto erboso, per non rovinare l’armonia del prato.

Se c’è un viale in cemento, un sentiero in mattoni o a pietre irregolari nel prato adiacente può distrarre l’attenzione dalla monotona linea retta grigia. Se il viale in cemento attraversa il giardino e lo divide in due parti, un prato a contorni curvilinei che lo comprende lo renderà meno visibile, soprattutto se i margini arrotondati del prato sono orientati in modo che l’asse risulti spostato di 45° rispetto al tracciato del viale.

Tra gli interstizi delle pietre o dei mattoni, possono facilmente svilupparsi piante da roccia, a cuscino o a tappeto, che sono anche adatte, unitamente a piante arbustive basse, per i bordi dei viali in cemento, in modo da renderli più gradevoli e meno rigidi.

I viali di accesso dalla sede stradale alla casa, che generalmente sono rettilinei e con due non molto decorative aiuole ai lati, possono essere migliorati eliminando una delle aiuole e allargando il viale.

In prossimità della casa, il viale dovrebbe allargarsi in un’ardita curva, in modo da abbracciare sia l’atrio sia la scalinata di accesso alla casa. Un’aiuola costituita da rosai è sufficiente per decorare l’area d’ingresso in un giardino di media grandezza, che può essere mascherato su entrambi i lati da piante da bordura di taglia bassa.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.

Tre articoli a caso: