Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Rilassarsi in giardino: arredamento e barbecue

Oggi la maggior parte degli appassionati di giardinaggio considera il proprio pezzetto di terra come il luogo dove rilassarsi, oltre che faticare, e passa gran parte del tempo libero all’aperto. Mobili confortevoli da giardino, o sedili incassati nei muri, possono aumentare il piacere che si prova a stare nel verde.

Arredamento

Scegliere mobili di forma elegante, comodi e progettati per uso all’aperto. Esistono in commercio sedie, tavoli e divanetti di materiali svariatissimi, come leghe di alluminio, ghisa, pietra ricostituita, teak, tuia e plastica. I mobili di metallo rivestito di plastica possono rimanere all’aperto con qualsiasi tempo.

Scegliere un modello che si addica al giardino e alla casa, e che non sia troppo voluminoso per il patio o per il tappeto erboso su cui va collocato.

Le panchine e i mobili di legno possono restare all’aperto tutto l’anno, purché vengano trattati con un conservante ogni due o tre anni. Quanto agli altri mobili, potrà essere necessario metterli al riparo durante i mesi invernali. Controllare che siano facili da riporre e abbastanza leggeri per poterli trasportare senza troppa fatica. I tavoli e le sedie pieghevoli sono più comodi da riporre dei divanetti a cuscini imbottiti. Qualunque modello si scelga, controllare che le gambe dei tavoli e delle sedie siano semplici e massicce, in modo che non possano traballare e affondare nel tappeto erboso. Quando si costruiscono patio, terrazze o altri luoghi per sedere all’aperto, si possono incassare dei sedili nei muri perimetrali di pietra o di mattoni. La struttura sarà presente tutto l’anno e, quando la si adopera, potrà essere completata da cuscini fatti su misura.

I mobili da giardino di buona qualità possono rappresentare una notevole spesa iniziale, ma dureranno molto più a lungo e saranno più comodi dei modelli più economici e più fragili.

Barbecue

Cucinare all’aria aperta esercita un fascino universale, e la diffusione del barbecue a carbonella lo ha reso un’operazione più facile e pulita. I fuochi di legna di solito non vanno bene per cucinare, tranne che nei giardini di grandi dimensioni.

II barbecue più semplice non è altro che una griglia metallica appoggiata su mattoni sopra un fuoco di carbone di legna. Lasciare dello spazio tra un mattone e l’altro per facilitare il tiraggio, e sistemare un’altra fila di mattoni sulla griglia per creare uno schermo contro il vento. Ubicare il barbecue dove il fumo non possa disturbare néchi si trova nel giardino né i vicini. Studiare il microclima del giardino e i venti estivi predominanti, per trovare una posizione dalla quale il fumo possa essere soffiato via. Non collocare il barbecue in un luogo ventoso. Se è permanente, pavimentare l’area circostante per ridurre l’usura del prato.

Il modello principale di barbecue è quello a fornello, costituito da una pesante bacinella di metallo fuso, destinata a contenere il fuoco, sulla quale è sistemata una griglia metallica per il cibo. Sono portatili, e possono essere dotati di semplici gambe o di un supporto a ruote. L’altezza della griglia è in certi modelli regolabile.

Il modello a «campana» rappresenta il tipo di barbecue più sofisticato (e costoso). Il fuoco viene acceso in una «ciotola» fornita di coperchio (fatta in genere di acciaio porcellanato) e all’interno di quest’ultimo si trovano normalmente dei congegni per far girare lo spiedo. Il coperchio ripara dal vento, ed è possibile abbassarlo per trasformare il barbecue in un forno.

Qualsiasi modello si scelga, accertarsi che il barbecue sia stabile e situato in un posto riparato, lontano da mobili o costruzioni di legno che potrebbero prendere fuoco. Ricordare che durante la stagione invernale occorre portare al coperto il barbecue. I modelli più grossi possono essere ingombranti e difficili da mettere al riparo.

Barbecue permanenti

Nei patio e nelle aree destinate al soggiorno aN’aperto, è possibile costruire dei barbecue fissi con accanto utili ripiani o nicchie per il carbone e gli altri accessori. Il progetto e i materiali da usare per il barbecue fisso dovrebbero armonizzare con l’ambiente circostante. Se il patio e i muri sono di mattoni, costruire i lati e il fondo del barbecue con mattoni dello stesso tipo. Se la pietra è il materiale predominante, utilizzare pietra o calcestruzzo di colore complementare.

Se si edifica un barbecue di mattoni, può essere conveniente costruirvi accanto dei vani per il carbone e un piano allo stesso livello per gli utensili da cucina. Rivestire, se possibile, il fondo e i lati del barbecue con uno strato di mattoni refrattari, e utilizzare una griglia metallica in un solo pezzo che si possa togliere dagli angolari di sostegno per pulirla agevolmente.

Combustibile

I barbecue funzionano a legna, carbonella o mattonelle di carbone di legna che si possono acquistare presso i centri di giardinaggio o nei negozi di ferramenta e di casalinghi. Il carbone di legna si accende facilmente con la normale esca, anche se si trovano in vendita numerosi prodotti, liquidi e solidi, per avviare il fuoco. Non usare benzina, olio o grasso, o alcol denaturato, che sono pericolosi. Quando si impiegano esche di vario tipo, lasciarle esaurire del tutto prima di incominciare la cottura dei cibi, poiché il sapore ne verrebbe alterato. Esistono anche dei barbecue che funzionano con bombole di gas.

Il focolare si può rivestire di fogli di alluminio per migliorare la rifrazione del calore e facilitare la pulizia. Estinguere il fuoco coprendolo con l’apposito coperchio, se il barbecue ne è dotato, oppure soffocandolo con vecchio carbone, sabbia o con acqua nebulizzata. Se la brace viene bagnata, lasciarla poi asciugare per riutilizzarla in seguito. Non versare acqua sul barbecue, poiché potrebbe provocare la rottura della pietra o del calcestruzzo e indebolire le parti metalliche.

I barbecue portatili vanno accuratamente puliti e conservati in un luogo asciutto.

Rispondi