Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Rullatura e rasatura di un prato di nuovo impianto

Quando la vegetazione del nuovo prato ha raggiunto un’altezza di circa cm 3-4 e si sono eliminati con una scopa rigida i piccoli coni di terra prodotti dai lombrichi, si passa su tutta la superficie un rullo leggero.

In genere, dopo 40 giorni dalla semina, il prato è pronto per il primo sfalcio. Occorre ripetere l’operazione di pulizia di tutta la superficie del prato con una scopa e provvedere alla prima rasatura dell’erba con l’altezza del taglio della macchina a cm 4-5 da terra.

Tutte le successive rasature devono essere sempre effettuate mediante un tosaerba a motore e l’altezza del taglio deve successivamente essere diminuita sino a cm 1,50.

Innaffiamento e monda del nuovo prato seminato

L’innaffiamento è una operazione essenziale da effettuarsi tempestivamente ogni volta che il prato di nuova semina lo richiede. Evitare nel modo più assoluto di insistere eccessivamente neH’innaffiamento e usare apparecchi di irrigazione a getto d’acqua molto fine. In commercio vi sono numerosi tipi di irrigatori: quelli oscillanti hanno la caratteristica di poter innaffiare aree rettangolari oppure di agire soltanto dalla verticale verso destra o verso sinistra, oppure su entrambi i lati; gli irrigatori rotanti innaffiano superfìci circolari e possono però essere regolati anche a settori, con ritorno automatico; inoltre il loro getto può venire variato passando dalla nebulizzazione al getto pieno. Usando irrigatori rotanti, occorre assicurarsi, quando si sposta l’apparecchio, che non vengano lasciate zone asciutte.

I diserbanti selettivi non devono essere usati se non dopo sei mesi dalla crescita del prato, perché potrebbero danneggiare le giovani piantine. Anche i prodotti chimici che controllano la velocità di crescita delle erbe infestanti non devono essere applicati finché le giovani piantine seminate non presentino almeno due foglie completamente sviluppate. Tutte le erbe infestanti annuali e perenni, che si dovessero sviluppare dopo il germogliamento del prato, devono costantemente venire asportate manualmente, avendo cura di non smuovere il terreno per non danneggiare le radici delle specie seminate.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.