Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Come propagare le piante grasse per seme: la produzione in proprio dei semi, la semina e l’invasatura delle nuove piante

La produzione in proprio dei semi

Sapere come si fa a produrre autonomamente i semi delle piante grasse può essere utile, anche perché di molte specie è spesso difficile trovarli in commercio.

Le piante grasse, in generale, producono fiori maschili e femminili sulla stessa pianta; però ci sono piante, come l’euphorbia, che producono fiori di un unico sesso su ogni pianta.

I fiori maschili sono riconoscibili per la presenza di piccoli grani di polline.

Le piante, sia che portino fiori di un unico sesso sia che abbiano contemporaneamente fiori maschili e femminili, possono essere impollinate solo se entrambi i tipi di fiori si schiudono contemporaneamente. Quindi, per essere sicuri che l’impollinazione abbia luogo, occorre procedere manualmente, passando un pennellino prima sui fiori maschili per prelevarne il polline e poi sui fiori femminili per depositarlo.

Nella maggior parte delle specie, i frutti appaiono circa una settimana dopo l’impollinazione. Il tipo di frutto varia da una specie all’altra, ma tutti iniziano a ingrossarsi e a cambiare gradualmente di colore via via che si avvicinano alla maturazione.

Nel caso dell’euphorbia, bisogna ricordarsi di coprirla con una rete di filo di ferro sottile a maglia stretta oppure di nailon, in quanto le capsule, aprendosi di scatto e scagliando con forza i semi lontano, possono produrne la dispersione. Per le altre specie, invece, basta rimuovere i frutti con una pinzetta e metterli in un luogo asciutto e caldo, possibilmente adagiati su un foglio di carta assorbente. Dove è in funzione il riscaldamento a termosifoni, un solo giorno è sufficiente per asciugarli.

Quando i semi sono secchi, è facile separarli; si può, all’occorrenza, seminarli immediatamente oppure, se si prevede di rinviare questa operazione, conservarli in una busta opportunamente etichettata.

La semina e l’invasatura delle nuove piante

Lavare accuratamente un vaso di cm 8-10 di diametro oppure una seminiera, depositarvi uno strato di ghiaietto e riempire con un composto da semina, setacciandone un poco sulla superficie. Spargere i semi senza coprirli e immergere il vaso in acqua, finché il composto non risulta compietamente umido.

Dopo questa operazione, coprire il contenitore con un sacchetto di plastica oppure con una lastra di vetro, in modo da evitare che il terriccio diventi troppo secco. Per poter germinare, le piante grasse hanno bisogno di una temperatura media di circa 21-27°.

In un periodo di tempo che va, a seconda delle specie, da pochi giorni fino a un mese, i germogli sviluppano delle spine: a questo punto rimuovere le coperture.

Quando poi le piantine hanno raggiunto un diametro di circa cm 0,50, trapiantarle in una seminiera riempita con composto per vasi.

Infine, quando raggiungono il diametro di cm 4-5, collocarle singolarmente in vasi di cm 5-6.

Rispondi