Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Le colture da serra: che cosa e come acquistare, la localizzazione migliore e consigli pratici per la costruzione

Che cosa e come acquistare

Prima di fare qualsiasi acquisto, è opportuno esaminare il maggior numero di cataloghi commerciali. Al momento della scelta, poi, considerare attentamente le dimensioni in relazione alle esigenze e tenendo presenti le relative spese di manutenzione e di riscaldamento. Spesso, acquistata la serra, ci si rende conto che lo spazio disponibile viene rapidamente occupato e altrettanto rapidamente ci si lamenta di averne presa una troppo piccola. Se, per esempio, c’è l’intenzione di costruire dei bancali a entrambi i lati della serra, sceglierne una larga almeno m 2,50.

Alcuni tipi di serre, specie nei modelli più grandi, sono divisi in scomparti con porte di comunicazione, che permettono temperature differenziate per la coltivazione di diversi tipi di piante.

La robustezza della struttura della serra è sempre molto importante, specialmente se la località è ventosa o se si pensa di coltivare le piante anche in contenitori sospesi.

Se la serra è di legno, controllare che non vi siano nodi vuoti che potrebbero indebolirne la struttura. Il basamento deve essere robusto e adeguato al peso che andrà a sopportare; il tetto deve essere sufficientemente inclinato per scaricare la condensa.

Le porte scorrevoli, oltretutto più facili da montare, sono le migliori: non sbattono e, senza occupare spazio utile, possono essere facilmente regolate in modo da aumentare l’aerazione interna.

Gli sportelli di aerazione di solito sono incernierati e con possibilità di apertura regolabile. Per assicurarsi una buona aerazione interna, installare almeno due aperture, sul tetto e su una fiancata. L’ideale sarebbe avere, sia sulle fiancate sia sul tetto, un’apertura ogni m 1,20 di vetro, da usare secondo la direzione del vento.

La localizzazione migliore

La serra deve essere posata in un luogo aperto e il più possibile illuminato, e quindi lontano dagli alberi che produrrebbero ombra, sporcherebbero i vetri e potrebbero danneggiarli in caso di caduta di rami.

Una buona posizione potrebbe essere a ridosso di un rialzo di terra, che proteggesse la serra dai venti freddi del nord e di levante. In ogni caso, è senz’altro opportuno Che la serra sia in prossimità della casa per avere l’accesso facilitato e collegarla con gli impianti elettrico e idrico.

Se la serra è rettangolare, deve essere orientata con i fianchi più corti verso nord e sud.

La carenza di alcuni o della totalità degli elementi appena indicati potrebbe essere causa di un completo insuccesso delle colture in serra. Per esempio: se per la posa della serra si dispone solo di una zona ombreggiata, non c’è dubbio che si potranno coltivare solo piante da ombra.

Consigli pratici per la costruzione

Prima di tutto, informarsi presso l’ufficio tecnico del Comune se per montare una serra occorra o meno la licenza edilizia.

Le serre prefabbricate sono sempre munite di dettagliate istruzioni per il montaggio.

Se per le più grandi occorre sicuramente l’aiuto di una persona, ve ne sono di quelle che si possono posare in opera anche da soli.

Qualche tempo prima della costruzione, livellare e indurire il terreno e, se la serra supera una larghezza di m 1,50 e una lunghezza di m 2,50, occorre predisporre le fondamenta e il basamento: scavare uria trincea poco profonda e riempirla di cemento per tutto il perimetro della serra e poi, su questa fondazione, alzare il basamento. Se invece la serra necessita di un basamento di mattoni, farlo eseguire da un muratore.

I vetri della serra vanno posati quando il tempo è buono ma non freddo e la verniciatura è meglio sia fatta prima della posa dei vetri.

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.