Add Me!Close Menu Navigation
Add Me!Open Categories Menu

Le piante grasse: le cactacee del deserto

Le cactacee del deserto hanno forme molto differenti: possono formare colonne alte fino a m 12 oppure assumere forme tondeggianti con un diametro inferiore a cm 2-3. I fusti di solito sono ricoperti di cera e di peli che riducono la perdita di acqua causata dall’evaporazione.

I fusti di altre piante succulente a volte sono “farinosi” per via di una sostanza che essi producono per trattenere l’acqua.

Generalmente, le cactacee sono di colore verde per l’alta produzione di clorofilla nei loro fusti, secondo il processo di fotosintesi che nelle altre piante viene svolto dalle foglie.

L’apparato radicale, molto sviluppato, in alcune specie è situato quasi in superfìcie per poter raccogliere la rugiada, mentre in altre penetra molto in profondità per raggiungere le falde di acqua sotterranee.

Alcune cactacee che vivono nel deserto sono ricoperte di spine, difesa naturale contro gli animali che tentano di mangiarle.

Le cactacee che si trovano nelle foreste umide dell’America centrale e meridionale crescono nei rifiuti organici che si raccolgono tra le biforcazioni dei rami. Di solito, queste piante, tra cui le popolari schlumbergera e rhipsalidopsis, hanno fusti appiattiti simili a foglie.

Contrariamente alla comune convinzione che le cactacee fioriscano ogni sette anni, molte specie, purché ovviamente trovino le condizioni ideali, fioriscono normalmente. Però le cactacee più grandi a volte non fioriscono neppure in serra, se non hanno lo spazio sufficiente per svilupparsi completamente.

La forma tipica dei fiori è a tromba, con dimensioni che vanno da cm

1 a 15. Disolito, riescono a schiudersi solo in presenza di un sole molto caldo, ma i fiori di alcune specie sono visibili solamente di notte. Se il tempo permane nuvoloso a lungo, le gemme fiorali non si sviluppano per niente.

In genere, le fioriture delle cactacee sono molto più belle di quelle delle altre piante succulente. I fiori sono di svariati colori, a eccezione del blu, sebbene ve ne siano di tonalità di lilla e di viola. La maggior parte dei fiori che sbocciano di notte sono di colore bianco e spesso emanano un profumo simile a quello dei gigli. Essi attraggono gli insetti notturni facilitando il processo di impollinazione. I fiori dei cactus di solito resistono un paio di giorni, mentre alcuni di quelli che sbocciano di notte hanno vita ancora più breve: attendono fino quasi a mezzanotte per schiudersi e appassiscono prima del mattino.

Se i fiori sono stati regolarmente impollinati, la pianta può produrre frutti contenenti semi, che generalmente sono di colore brillante e, a volte, eduli, come nel caso della mammillaria. Di solito, essi presentano tonalità di rosso, sono di lunga durata e, nella maggior parte dei casi, si formano senza che si debba ricorrere aH’impollinazione artificiale. Dopo l’impollinazione può passare un intero anno, cosicché sulla medesima pianta, certe volte, coesistono i fiori dell’anno e i frutti formatisi da quelli dell’anno precedente.

Le piante grasse abbondano specialmente in America e in Africa. Le cactacee sono tutte americane: le specie originarie del Messico, delle regioni occidentali e meridionali degli Stati Uniti e dell’America del Sud sono circa 1.700. Alcune piante succulente non cactacee sono invece nostrane, come i sedum e i sempervivum: crescono sulle rocce, sui muri, sulle scarpate dove il terreno è quasi sempre arido, anche quando la pioggia è caduta in grande quantità. Persino in terreni salmastri, per esempio nella zona delle valli di Comacchio, abbondano piante grasse come le sali— cornia.

Molto noti nelle regioni meridionali e nelle Isole i fichi d’india. Queste piante appartengono al genere opuntia, che comprende centinaia di specie diffuse in tutta l’America, dal Canada all’Argentina meridionale.

Il fico d’ìndia (Opuntia ficusindica) è originario dell’America tropicale, ma si è diffuso in tutto il mondo per i suoi frutti. Questi sono rossi o gialli, e i fiori gialli. La pianta è alta qualche metro, con articoli – detti anche cladodi o, volgarmente, foglie – lunghi fino a mezzo metro:

Rispondi

Devi aver effettuato il log in per scrivere un commento.